header mix

Vola l’export di ortofrutta Made in Italy

Dopo 25 anni è record storico della presenza di frutta e verdura Made in Italy sulle tavole straniere. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti dei dati Istat sulle esportazioni, relativi al primo semestre del 2016 e presentati in occasione del Macfrut, la fiera di filiera dell’ortofrutta di Rimini.

Come è accaduto poche volte in passato, le esportazioni di frutta e verdura hanno sorpassato in quantità le importazioni, con un netto miglioramento della bilancia commerciale del settore. Un risultato ottenuto nonostante l’embargo totale in vigore nei confronti dei prodotti ortofrutticoli nazionali da parte della Russia che è stata storicamente un importante mercato di sbocco.

I dati delle esportazioni primo semestre 2016, confrontati con lo stesso periodo del 2015, parlano di 2,17 milioni di tonnellate di frutta e verdura fresca, con un + 8% per complessivi 2,4 miliardi di euro. A prevalere è stata la frutta con 1,38 milioni di tonnellate ed un aumento del 4% mentre le esportazioni di verdura sono state di 789 mila tonnellate, con un aumento del 14%.

Tra i motivi il cambiamento degli stili di vita che hanno fatto lievitare a livello internazionale la domanda di cibi più genuini. Una tendenza che ha interessato anche l’Italia, dove i consumi di frutta e verdura hanno raggiunto il massimo dell’ultimo quadriennio grazie ad un aumento annuale medio di 3 chili di frutta e verdura per persona. Il risultato è che la spesa per frutta e verdura degli italiani raggiunge i 98,55 euro al mese per famiglia, sorpassa quella per la carne ed è diventata la prima voce del budget alimentare delle famiglie.

Secondo l’analisi Coldiretti, inoltre, questa tendenza al maggior consumo di frutta e verdura non è destinata ad arrestarsi. Si stima, infatti, che nel 2016 il consumo pro capite di frutta e verdura sfiorerà i 320 chili a testa.

Fonte: Coldiretti

Articoli correlati (da tag)