L’etichetta di un prodotto alimentare, in un mercato sempre più affollato e competitivo come quello dell’olio extravergine di oliva, riveste un’importanza crescente ai fini commerciali e per i consumatori. Per soccorrere frantoiani e imbottigliatori e guidarli nei meandri della complessa legislazione europea e nazionale che regola l’etichettatura, è stata pubblicata e scaricabile gratuitamente la “Guida pratica all’etichettatura” di cui sono autori Roberto Ciancio e Roberta Capecci dell’ICQRF (Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari).

Il 13 e 14 febbraio, nel quartiere fieristico di Pordenone, si terrà Aquafarm 2019, la terza edizione della mostra-convegno internazionale dedicata alle tecnologie, ai prodotti e alle buone pratiche della produzione sostenibile di cibo dall’acqua.

La filiera vitivinicola produce sottoprodotti e scarti come i raspi, le vinacce, le fecce e le acque di lavaggio della cantina, che nell’ottica dell’economia circolare, si possono recuperare sotto forma di energia o di prodotti e molecole a elevato valore aggiunto. E’ quanto sono riusciti a mettere a punto, grazie a una nuova tecnologia, i ricercatori del progetto BIOVALE - BIOraffineria: VALore aggiunto dei sottoprodotti Enologici, sostenuto da Ager.

Concimare il grano duro utilizzando quantità di azoto ottimali, calcolate in funzione delle esigenze della coltura, di previsioni climatiche a novanta giorni e di modelli predittivi di resa e qualità. Questi i risultati del progetto “Filiera grano” che saranno illustrati martedì 5 febbraio 2019 a partire dalle 9.30 presso il Centro Congressi S. Elisabetta al Campus dell'Università di Parma.

Felici di lavorare insieme e pronti a dare il loro contributo per tenere viva l’agricoltura di montagna. Con questo spirito, e per pianificare le prossime attività, si sono dati appuntamento lo scorso dieci dicembre all’Università di Milano (Dipartimento VESPA) i ricercatori del progetto IALS - Integrated Alpine Livestock Systems: from ecosystem services to premium mountain products.

Un modello di ricerca che mette in rete Università, Scuola e Imprese del settore lattiero-caseario che producono in qualità. Questa la presentazione riservata a CANESTRUM CASEI in occasione del Convegno “Imprese, Studenti e Territorio. Insieme!” che si è tenuto lo scorso 13 dicembre presso il DISAAF (Dipartimento Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali) dell’Università degli Studi di Palermo.

Si sono dati appuntamento a Roma nei primi due giorni di dicembre per scambiarsi conoscenze, innovazioni ed esperienze: sono gli “assaggiatori dell’olio” provenienti da tutto il mondo e che, in qualità di professionisti del settore quali produttori, frantoiani e buyer, sono impegnati nella tutela e valorizzazione dell’EVO (olio extravergine di oliva) di qualità.

Vorresti mangiare prodotti che portano un beneficio alla tua salute, riducendo l’impatto ambientale?

Si può produrre carne in modo sostenibile? Certamente sì, grazie all’erba dei pascoli, un modo semplice e naturale di alimentare gli animali, che porta i consumatori verso una scelta consapevole dei prodotti e gli allevatori all’adozione di una gestione di pascoli e animali più rispondente alle nuove esigenze dei mercati.

Una sessione speciale all’interno di GENP2018 per presentare alcuni risultati del progetto COMPETiTiVE, sostenuto da Ager, ottenuti nei primi diciotto mesi di studi e ricerche. E’ successo all’Università di Bari Aldo Moro durante il Green Extraction of Natural Products, il congresso internazionale che si è svolto il 12 e 13 novembre, dove sono stati presentati i più recenti progressi nel campo dei processi di estrazione sostenibili.

Ager - Agroalimentare e ricerca,
è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

AGER
Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Progetto Ager

Valentina Cairo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.