Aquafarm, evento internazionale dedicato alle buone pratiche e alle tecniche innovative per la produzione sostenibile di cibo dall'acqua, si è svolto a Pordenone il 13 e 14 febbraio. Nutrita la partecipazione dei gruppi di ricerca che lavorno al progetto AGER Sushin, di cui hanno avuto l'occasione di discutere durante la loro presenza alla manifestazione (CREA, UNIUD, UNIVPM).

Qui la rassegna stampa di CREA.

Qui un poster collaborativo con autori di CREA, IZSAM e UNIUD.

Di seguito alcune immagini della partecipazione alla manifestazione.

Silvia Ceschini, Fondazione E. Mach

La Fondazione Mach è coinvolta in un interessante progetto di ricerca triennale Ager denominato Sushin (Sustaninable fish feeds innovative ingredients) che ha lo scopo di individuare nuovi ingredienti da usare nell’alimentazione delle specie ittiche allevate in acquacoltura. In particolare, a San Michele, si terranno esperimenti e prove aziendali sul valore nutritivo dei nuovi mangimi e sulla sicurezza alimentare della trota. [...]

Link all'articolo pubblicato su "La Trota Trentina e il Salmerino Alpino".

Un articolo dal titolo di "SUSHIN, un progetto per produrre nuovi mangimi sostenibili per i pesci da allevamento e salvare molte specie dall’estinzione", è stato pubblicato da Silvia Ceschini (responsabile Ufficio Stampa della Fondazione E. Mach), sulla rivista "Il Pescatore Trentino".

L'articolo sarà disponibile dal sito della rivista con l'uscita del numero successivo (nr. 1 del 2018). Qui è possibile scaricarne una copia in pdf

di Fernando Lunelli (FEM),

pubblicato sul periodico "Terra Trentina" (anno LXII, n°1, Gennaio/Aprile 2017), pagina 62

Edizione sfogliabile online qui

 

 

Assicurare la qualità dei prodotti ittici allevati grazie a mangimi alternativi alla farina di pesce, che migliorano la sostenibilità ambientale della produzione. È questo il principale obiettivo del progetto SUSHIN, finanziato da Ager nel settore Acquacoltura con un contributo di 716mila euro, e ufficialmente partito da qualche mese. I ricercatori lavoreranno, nei prossimi tre anni, per mettere a punto alimenti per i pesci a base di insetti, microalghe, sottoprodotti della macellazione avicola e di crostacei: mangimi in grado di ridurre lo sfruttamento di risorse naturali, senza intaccare la qualità del prodotto ittico. Un traguardo importante, considerando che l’acquacoltura intensiva è destinata a crescere a livello globale e con essa la richiesta di cibo per i pesci, che nel 2025 è stimata in 87 milioni di tonnellate.

Se i ricercatori di SUSHIN lavoreranno intensamente nei laboratori di ricerca dei diversi enti coinvolti, i risultati ottenuti usciranno dalle “mura della scienza” e saranno divulgati verso l’esterno. L’informazione si rivolgerà a un gruppo, più strettamente legato al settore, composto da giovani ricercatori, tecnici e studenti per i quali sono previsti programmi formativi, corsi di specializzazione e seminari. Ma la valorizzazione del progetto e dei suoi risultati raggiungerà anche un pubblico più ampio, che sarà coinvolto e sensibilizzato nei confronti di una filiera ittica sostenibile che riduce gli sprechi e immette sul mercato un prodotto finale – in particolare trota, branzino, orata - salubre e di qualità. Spazio allora per aperitivi scientifici, cene con i ricercatori e laboratori nelle diverse sedi dei centri di ricerca che partecipano al progetto.

SUSHIN ha come capofila l’Università degli Studi di Udine - responsabile il Prof. Emilio Tibaldi - e coinvolge una serie di prestigiosi partner: l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise, l’istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale di Roma (ISPRA), la Fondazione Edmund Mach di S. Michele all’Adige (TN), l’Università di Firenze, il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria (CREA) e il Politecnico delle Marche.

Nella foto: i ricercatori di SUSHIN in occasione del kick-off meeting di progetto.

Fonte: FEM - ufficio comunicazione SUSHIN

Fonte fotografica: ISPRA

Ager - Agroalimentare e ricerca,
è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

AGER
Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Progetto Ager

Valentina Cairo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


ico twitter   TWITTER

ico youtube   YOUTUBE