header mix

Al via il progetto SUSHIN (SUstainable fiSH feeds INnovative ingredients)

Assicurare la qualità dei prodotti ittici allevati grazie a mangimi alternativi alla farina di pesce, che migliorano la sostenibilità ambientale della produzione. È questo il principale obiettivo del progetto SUSHIN, finanziato da Ager nel settore Acquacoltura con un contributo di 716mila euro, e ufficialmente partito da qualche mese. I ricercatori lavoreranno, nei prossimi tre anni, per mettere a punto alimenti per i pesci a base di insetti, microalghe, sottoprodotti della macellazione avicola e di crostacei: mangimi in grado di ridurre lo sfruttamento di risorse naturali, senza intaccare la qualità del prodotto ittico. Un traguardo importante, considerando che l’acquacoltura intensiva è destinata a crescere a livello globale e con essa la richiesta di cibo per i pesci, che nel 2025 è stimata in 87 milioni di tonnellate.

Se i ricercatori di SUSHIN lavoreranno intensamente nei laboratori di ricerca dei diversi enti coinvolti, i risultati ottenuti usciranno dalle “mura della scienza” e saranno divulgati verso l’esterno. L’informazione si rivolgerà a un gruppo, più strettamente legato al settore, composto da giovani ricercatori, tecnici e studenti per i quali sono previsti programmi formativi, corsi di specializzazione e seminari. Ma la valorizzazione del progetto e dei suoi risultati raggiungerà anche un pubblico più ampio, che sarà coinvolto e sensibilizzato nei confronti di una filiera ittica sostenibile che riduce gli sprechi e immette sul mercato un prodotto finale – in particolare trota, branzino, orata - salubre e di qualità. Spazio allora per aperitivi scientifici, cene con i ricercatori e laboratori nelle diverse sedi dei centri di ricerca che partecipano al progetto.

SUSHIN ha come capofila l’Università degli Studi di Udine - responsabile il Prof. Emilio Tibaldi - e coinvolge una serie di prestigiosi partner: l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise, l’istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale di Roma (ISPRA), la Fondazione Edmund Mach di S. Michele all’Adige (TN), l’Università di Firenze, il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria (CREA) e il Politecnico delle Marche.

Nella foto: i ricercatori di SUSHIN in occasione del kick-off meeting di progetto.

Fonte: FEM - ufficio comunicazione SUSHIN

Fonte fotografica: ISPRA