header mix

La ricerca scientifica in zootecnia vive grazie all’importante sostegno delle Fondazioni di origine bancaria, che sopperiscono alla mancanza di fondi pubblici e privati. Questo, in estrema sintesi, il risultato dell’iniziativa che si è tenuta presso l’Università degli Studi di Perugia, in occasione del XXII Congresso dell’ASPA (Associazione della Scienza e delle Produzioni Animali), l’evento che riunisce ogni anno numerosi e affermati ricercatori del settore zootecnico.

Sono ottanta i progetti di ricerca che aspirano ad aggiudicarsi i fondi messi a bando da Ager  per due comparti strategici dell’agroalimentare italiano: Agricoltura di Montagna e Prodotti lattiero-caseari. I progetti presentati per valorizzare l’agricoltura nelle zone di montagna sono trentadue; mentre sono quarantotto le proposte candidate per lo sviluppo del settore lattiero - caseario, di cui ventisette dedicate all’intera filiera produttiva e ventuno che affrontano specifiche esigenze di ricerca all’interno della stessa filiera.
Prima riunione operativa per i partner di VIOLIN - VAlorization of Italian OLive products through INnovative analytical tools, il progetto di ricerca sostenuto da Ager con un milione di euro, che punta a valorizzare l’olio extra vergine di oliva, i sottoprodotti della lavorazione e la creazione di una cultura dell’olio italiano di qualità. Nel corso dell’incontro, che si è tenuto lo scorso 7 giugno al polo Annunziata del Dipartimento CHIBIOFARAM dell’Università di Messina, si è fatto il punto sulle prime fasi della ricerca, iniziata ufficialmente il 15 marzo.

L’olivicoltura tra i temi della giornata dell’orientamento all’Università Mediterranea di Reggio Calabria

Migliorare e rafforzare la sostenibilità della filiera dell’olio d’oliva, puntando a un prodotto di qualità e promuovendo la cultura dell’olio nel consumatore. Sono gli obiettivi del progetto Sustainability of the Olive oil System - S.O.S. presentati nel corso di 'Agraria Open Day', la giornata di orientamento che si è tenuta lo scorso 5 maggio presso il Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, partner del progetto S.O.S.

Lo scorso 8 aprile si è celebrato in tutta Italia lo Slow food Day, un appuntamento che ogni anno richiama migliaia di visitatori, interessati ai valori del buon cibo, pulito e giusto. L’obiettivo dell'evento è quello di promuovere i valori di sostenibilità ambientale e alimentare, da tempo sostenuti con forza dall’associazione della Chiocciola, una tra le più attive a livello internazionale nella valorizzazione della cultura eno-gastronomica rispettosa degli ecosistemi e dei saperi locali. Tra i numerosi eventi in calendario, distribuiti in trecento piazze italiane, la condotta Slow Food di Bari ha promosso un intenso programma di manifestazioni, offrendo percorsi emozionali che incrociano arte, cinema, cibo, vino e territorio.