header mix

Negli ultimi tre anni la fame nel mondo ha ripreso a correre e si sta avvicinando ai livelli negativi di circa dieci anni fa. Secondo il rapporto “Lo Stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo 2018” sono 820 milioni le persone che oggi soffrono la fame. Complici di tutto questo sono le guerre, la recessione economica e i cambiamenti climatici, che stanno creando grossi problemi alle produzioni agricole. Al contrario nei paesi sviluppati l’obesità sta aumentando notevolmente, con 1,9 miliardi di persone in sovrappeso.

 

È in questo contesto che oggi, sedici ottobre 2018, la FAO promuove e celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, con un obiettivo fondamentale: raggiungere la “fame zero” per il 2030 e garantire un futuro sostenibile a tutti. Oggi, il 70% delle popolazioni povere mondiali vive in aree rurali, dove la sopravvivenza è legata all’agricoltura, alla pesca e alla silvicoltura.  I piccoli agricoltori devono adottare nuove pratiche colturali più sostenibili per aumentare la produttività e il reddito. C’è la necessità di d’investire in agricoltura da parte del settore privato, promuovendo programmi di protezione sociale per i più deboli e collegando i produttori di generi alimentari con le aree urbane.

Al raggiungimento di alcuni di questi obiettivi stanno contribuendo da ormai dieci anni anche sedici Fondazioni di origine bancaria, associate in Ager. Si tratta di soggetti privati no profit che stanno sostenendo, unica esperienza a livello europeo, la ricerca scientifica nell’agroalimentare. Una ricerca finalizzata a scoprire e sviluppare nuovi metodi di agricoltura sostenibile, capace di generare reddito e di garantire qualità e salubrità degli alimenti. Una ricerca che mette i propri risultati al servizio della collettività, salvaguardando l’ambiente e puntando alla creazione di innovazioni tecnologiche in grado di creare e rafforzare l’occupazione in campo agroalimentare e scientifico.

In questi anni Ager ha sostenuto con oltre 34 milioni di euro trentadue progetti di ricerca dell’agrifood di otto comparti: cereali, ortofrutta, zootecnia, viticoltura, acquacoltura, olivicoltura, agricoltura di montagna e prodotti lattiero-caseari. Un impegno concreto per migliorare l’alimentazione e promuovere stili di vita sostenibili, elementi ritenuti essenziali per costruire un mondo senza fame.   

Le sedici Fondazioni che aderiscono ad Ager sono: Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo (capofila e con poteri di rappresentanza), Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara, Fondazione CR Firenze, Fondazione Friuli, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione di Sardegna, Fondazione Tercas, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, Fondazione di Venezia, Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli e Fondazione CON IL SUD.

http://www.fao.org/world-food-day/it/

  

Ager - Agroalimentare e ricerca,
è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

AGER
Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Progetto Ager

Valentina Cairo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.