header risultati

Meeting tecnico a Firenze

Si è tenuto il 7 febbraio, presso il Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'Ambiente di Firenze, una riunione tecnica di alcuni ricercatori del progetto AGER “Costruzione di un prototipo per l’ottimizzazione della concimazione azotata a rateo variabile del grano duro in funzione di previsioni climatiche di medio periodo”. In tale occasione il team di modellisti di Firenze, guidati dal Dott. Roberto Ferrise, ha presentato lo stato di avanzamento dei lavori.

Si è discusso di come testare la sensibilità del modello matematico che combina dati climatici, sia storici che previsionali, ed informazioni colturali georeferenziate ottenute con l’utilizzo di sensori ottici al suolo e droni per la previsione delle rese agricole e delle reali necessità di azoto delle colture. L’obiettivo è quello di poter fornire all’operatore agricolo uno strumento di facile utilizzo che, grazie all’inserimento manuale di pochi dati, possa calcolare le quantità ottimali di concime per l’applicazione a rateo variabile nell’ottica di un’agricoltura di precisione.

Durante il meeting è stata inoltre discussa la possibilità di una raccolta differenziata (precision harvesting) che aprirebbe prospettive interessanti quali la produzione a filiera corta di una “pasta di precisione”. Quella dell’agricoltura di precisione è una pratica innovativa e sempre più diffusa che promette di migliorare la resa e la qualità dei prodotti diminuendone allo stesso tempo l’impatto ambientale. Uno strumento che può quindi fornire un contributo importante al raggiungimento degli obiettivi di qualità e sostenibilità della filiera del grano duro, obiettivi sempre più cari anche ai grandi leaders del settore come Barilla, che figura tra le aziende esterne collaboratrici del progetto.

L’ottimizzazione della concimazione, attuandola solo quando e dove serve, ha una valenza importante a livello di sostenibilità ambientale; la lisciviazione dell’azoto in eccesso dai campi agricoli è infatti tra le prime cause dell’inquinamento da nitrati delle acque superficiali e di falda, con gravi conseguenze ecologiche quali l’eutrofizzazione. Per quanto riguarda la qualità del prodotto verranno svolte, presso i laboratori dell’università di Parma, le analisi di quantità e composizione delle proteine del glutine della granella ottenuta a diversi regimi di fertilizzazione. Il progetto prevede la collaborazione di ricercatori provenienti dalle università degli studi di Padova (capofila), Firenze, Parma e Teramo coordinati dal Prof. Francesco Morari (Università di Padova), responsabile scientifico dell’attività.

Entro fine febbraio si terrà un nuovo incontro, questa volta a Padova, in occasione del quale sono previsti i primi rilevamenti in campo con droni presso l’azienda sperimentale Miana Serraglia di Mira.

     logo fondazione parma  logo fondazione cariplo      logo cr cuneo         logo fondazione carife       logo fondazione cr firenze         logo fondazione Friuli    logo fondazione modena     logo fondazione padova rovigo          logo fondazione teramo        logo fondazione caritro trento rovereto    logo fondazione venezialogo fondazione vercelli            

Ager - Agroalimentare e ricerca,
è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

AGER
Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Progetto Ager

Valentina Cairo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


ico twitter   TWITTER

ico youtube   YOUTUBE