Conoscere e scegliere un olio di qualità, perfetto dal punto di vista delle proprietà nutrizionali e che soddisfi le esigenze di ogni palato. Oggi, a disposizione dei consumatori, c’è l’Atlante degli oli, una vera e propria mappa delle eccellenze olivicole per orientarsi tra centinaia di oli prodotti in Italia. L’Atlante è stato realizzato dalla dott.ssa Graziella Picchi, con il contributo di Cinzia Antonini e Massimo Greco, su iniziativa del prof. Corrado Barberis e pubblicato dall’Istituto Nazionale di Sociologia Rurale (INSOR).

Come stanno variando le produzioni agricole a seguito dei cambiamenti climatici? Una domanda complessa alla quale danno una risposta Frances C. Moore e David B. Lobell della Stanford University, nel loro lavoro pubblicato sull’importante giornale scientifico “Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America”. I ricercatori hanno evidenziato il legame che esiste tra i mutamenti del clima e quattro colture molto diffuse in Europa quali grano, mais, orzo e barbabietola da zucchero.

Sono 21 i milioni di euro destinati dal Governo per il miglioramento genetico di agrumi, albicocco, ciliegio, melo, olivo, pesco, vite, frumento, pomodoro, melanzana e pioppo. Lo ha stabilito il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali a favore della prima attività di ricerca pubblica italiana basata sull’impiego delle biotecnologie sostenibili. Una tecnica che attraverso il genome editing permette di avere prodotti cisgenici, che a differenza degli OGM non comportano “inserimenti” di geni estranei a quelli propri della specie, dando quindi prodotti simili a quelli ottenuti con l’incrocio tradizionale.

Un agricoltore che cerca informazioni meteo con un’App su smartphone o controlla l’andamento dei prezzi della borsa merci on line. Fino a qualche anno fa una fotografia quasi impensabile per il settore primario, che appariva più restio ad uscire dagli schemi informativi tradizionali. Oggi l’indagine "L'utilizzo di internet in agricoltura" - condotta da Nomisma e Image Line su un campione di 1.315 aziende agricole che usano internet – rivela che gli agricoltori abbracciano il web e lo utilizzano per migliorare la produzione, risparmiare, tenere contatti diretti con i fornitori, cercare sbocchi su nuovi mercati.

Aumentare la redditività della coltura del riso grazie al recupero sostenibile dei sottoprodotti della coltivazione, quali paglia, lolla e pula. Questo l’obiettivo di RiceRes, un progetto di ricerca finanziato da Fondazione Cariplo e promosso da CNR ISMAC di Biella e dalle Università di Milano e Pavia. I primi risultati ottenuti dopo nove mesi di lavoro sono molto promettenti.

Oggi sappiamo quale è la quantità di ogni fitofarmaco che l'uomo può assimilare senza rischi per la salute. Ma poco o nulla si sa degli effetti cumulativi che possono avere più fitofarmaci presenti sui prodotti alimentari. Dall'EFSA (European Food Safety Authority) - l’agenzia per la sicurezza alimentare finanziata dall’Unione Europea con sede a Parma) - arriveranno le prime risposte sugli effetti cumulativi dei fitofarmaci. Il tutto grazie a un software, i cui algoritmi stimeranno il rischio dovuto a più molecole contemporaneamente presenti.

Ager - Agroalimentare e ricerca,
è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

AGER
Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Progetto Ager

Valentina Cairo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.