header mix
  • 15 Gennaio 2020

A Bari dal 20 gennaio i giovani (e talentuosi) ricercatori dell'olio e un convegno contro le frodi

Tutto pronto all'Università di Bari per ospitare dal 20 al 22 gennaioEVOO Research's Got Talent 2020”, la prima manifestazione internazionale che ospita 35 giovani talenti della ricerca che operano a livello mondiale e con expertise su tutti gli aspetti di studio dell'olio extra vergine di oliva.

L'iniziativa è nata nell’ambito delle attività di comunicazione previste dai ricercatori di COMPETiTiVE e coinvolge anche SOS e VIOLIN, i tre progetti che Ager sta sostenendo per lo sviluppo della filiera olivicola italiana. I giovani ricercatori presenteranno i loro studi al Comitato Scientifico, composto da esponenti di primo piano nel mondo della ricerca scientifica italiana ed europea in ambito olivicolo e parteciperanno a training formativi sulle soft skill  (public speaking,  team working, creative skill, problem solving) e sulle discipline di ricerca fondamentali per il settore, quali arboricoltura, chimica degli alimenti, marketing, sottoprodotti, imballaggi, shelf-life, solo per citarne alcune. La formazione prevede anche l'acquisizione delle competenze necessarie per concorrere con successo ai bandi internazionali, tra cui ERC starting grant e Marie Skłodowska-Curie Actions - Individual Fellowships e competenze strategiche in grado di elevare le singole professionalità, creando un innovativo e solido gruppo di ricerca in rete, in grado di favorire e promuovere la ricaduta dei risultati a beneficio dell’intera filiera dell'olio.

Ma le iniziative non terminano qui: giovedì 23 gennaio dalle ore 9.00 è previsto “Talent 2020…The day after”, un incontro aperto a tutti gli attori della filiera, dai produttori ai frantoiani, e al mondo della ricerca e dell’informazione. Il focus sarà dedicato alle contraffazioni e frodi, dove l’Italia risulta avere uno dei sistemi di controllo più efficaci d’Europa. L’incontro (occorre registrarsi preliminarmente a questo link) si terrà nella Sala Convegni Don Tonino Bello (Palazzo Chiaia-Napolitano) presso l’Università degli Studi di Bari A. Moro.  I lavori si apriranno con una panoramica sulle idee di ricerca più innovative illustrate nei giorni precedenti dai giovani ricercatori. A seguire interverranno i ricercatori di cinque progetti di ricerca, tra cui COMPETiTiVE, SOS e VIOLIN, che presenteranno i risultati delle loro attività finalizzate a garantire la tracciabilità e la tutela del consumatore da frodi e contraffazioni. I lavori proseguiranno con il Dipartimento dell'Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e della Repressione Frodi dei prodotti agroalimentari e l’Agenzia delle Dogane e Monopoli, che presenteranno dati e risultati sulle attività di controllo per tutelare l’olio Made in Italy. In conclusione una tavola rotonda con la partecipazione di giornalisti, funzionari degli enti di controllo e ricercatori che si confronteranno su come comunicare correttamente il tema delle contraffazioni ai consumatori.

L'iniziativa è patrocinata dal MIPAAF, dalla Regione Puglia e da qualificati enti pubblici e privati della filiera olivicola. Tutte le informazioni sono accessibili sul sito dell'evento.

 

COMUNICATO STAMPA