SEI IN: Ricerca
Acquacoltura

Nuove farine per l’alimentazione del pesce allevato: gli studi di 4F per la carenza di proteine

Pubblicato il:

Un’ampia letteratura riporta dati e studi che confermano che le farine di pesce, utilizzate per l’alimentazione dei pesci in allevamento, possono essere sostituite con farine alternative provenienti da diverse fonti: vegetali, insetti e sottoprodotti della lavorazione di avicoli (ad esempio le piume).

Tuttavia le nuove farine non soddisfano completamente le necessità di aminoacidi dei pesci allevati. Il progetto 4F sta studiando quali sono le principali carenze e come integrare questi aminoacidi, arrivando ad alcuni interessanti risultati. Vediamo quali.

La sostituzione di farina di pesce con farina di soia comporta una carenza di due aminoacidi essenziali, cisteina e metionina ed una completa assenza di taurina. La metionina si può integrare aggiungendo ai mangimi aminoacidi di sintesi oppure utilizzando altre farine proteiche, ripristinando la stessa quantità presente nella farina di pesce. Ma dalle prove effettuate, la presenza di metionina dopo la dovuta integrazione non è risultata completamente efficace, poiché la quantità introdotta in forma di cristalli risulta velocemente disponibile, arrivando al fegato prima degli aminoacidi proteici, determinando comunque una situazione di carenza.

Simile problema, a carico di altri aminoacidi, è stato riscontrato con le farine di insetti (H. illucens) e di avicoli, sempre a confronto con la farina di pesce.

Uno studio successivo ha testato diverse formulazioni di mangimi ai quali è stata aggiunta metionina in diverse forme e quindi con diverse velocità di assorbimento. Da un lato le ricerche hanno dimostrato che tutte le forme di metionina utilizzate sono idonee a garantire performance di crescita che giustificano la scelta in base ai costi. Dall’altro lato, si è visto che una disponibilità “anticipata” di questo aminoacido modifica negativamente alcuni equilibri nei rapporti tra importanti composti che si formano durante il ciclo della metionina.

Tutte le sperimentazioni effettuate hanno dimostrato l’importanza di avere un’equilibrata disponibilità di metionina, visti i suoi molteplici e complessi ruoli che questo aminoacido ha nel metabolismo.

Nel complesso, le ricerche in corso hanno gettato le basi per avviare prove di crescita direttamente negli allevamenti con parziale o totale sostituzione della farina di pesce nei mangimi.

Un dettagliato approfondimento scientifico sui risultati della ricerca è disponibile sul sito del progetto 4F a questo link.

Ti è piaciuto il post? Condividi!