La pelle della trota: una ricchissima fonte di omega-3

Uno studio sulla pelle della trota iridea, pubblicato recentemente dal gruppo di ricerca di Acquacoltura del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali (Dagri) dell’Università di Firenze, in collaborazione con l’Università di Udine, su “Waste and Biomass Valorization”, dà conto dell'indagine eseguita per il progetto Ager 2 - SUSHIN sugli effetti dei mangimi alternativi alla farina di pesce, tema generale del progetto stesso. Una parte importante del progetto è relativa alla valutazione degli effetti sui pesci - in questo caso la trota - in termini di valore nutritivo. Esiste infatti l'evidenza che diete povere di proteine animali tendono a diminuire il contenuto delle carni in omega-3. 
 
 
“La pelle di trota – commenta Giuliana Parisi, coordinatrice di questo studio all'Univesità di Firenze – è una fonte preziosa di omega-3: il contenuto medio di omega-3 trovato in essa ammonta al 25% degli acidi grassi totali, a fronte del 15% contenuto nei filetti degli stessi animali. E la cosa più importante è che questa percentuale di omega-3 tende a restare costante nella pelle, a prescindere dalla dieta somministrata agli animali”.
 
Riferimenti all'articolo pubblicato:
Bruni, L., Husein, Y., Secci, G., Tulli, F., & Paris, G., 2021: Rainbow Trout (Oncorhynchus mykiss) Skin as Potential n-3 Fatty Acid Source. Waste and Biomass Valorization, 2021. https://doi.org/10.1007/s12649-021-01384-3.
 
Qui un post pubblicato su Facebook quotidiano "L'Adige".
 
 

Articoli correlati (da tag)