Le risposte della ricerca contro la scomparsa dei formaggi tradizionali del Sud Italia

 

Piena soddisfazione per gli oltre centocinquanta partecipanti ai due eventi organizzati da Canestrum Casei per far conoscere i risultati delle ricerche e per promuovere e apprezzare la qualità dei formaggi della "Selezione Ager"

 

Sfamati di conoscenza e con formaggi di alta qualità. Questo il risultato delle due iniziative che i ricercatori del progetto Canestrum Casei hanno organizzato per fare conoscere i risultati delle ricerche sui quindici formaggi del Sud Italia della “Selezione Ager”.

Le ricerche, lo ricordiamo, hanno le finalità di migliorare i sistemi di lavorazione rispettando le tradizionali tecniche di produzione e di valorizzare la qualità attraverso un nuovo approccio di promozione e marketing per fare apprezzare al consumatore la bontà e le caratteristiche nutrizionali di questi ottimi formaggi.

Pecorino di Filiano

Il primo evento si è tenuto lunedì 17 febbraio presso l'agriturismo "Montagne Verdi" a Castelfranci, in provincia di Avellino. Oltre cinquanta persone (giornalisti e blogger enogastronomici, buyer, ristoratori, opinion leader e rappresentanti delle istituzioni locali e regionali) hanno sentito dalla viva voce dei ricercatori i primi risultati delle ricerche e, guidati da sommelier ed esperti assaggiatori di formaggi, hanno potuto degustare il Canestrato di Moliterno, il Pecorino di Filiano, la Cacioricotta del Cilento, il Pecorino Carmasciano e il Caciocavallo Podolico, abbinati ai vini dell’Irpinia. L’iniziativa ha coinvolto anche i produttori dei formaggi, che hanno fornito ai ricercatori spunti utili per il prosieguo delle attività di progetto e fornito suggerimenti sulle modalità di promozione dei formaggi tradizionali, oggetto di studio.

Incontro pubblico 18022020Il secondo evento si è tenuto martedì 18 febbraio presso la sede dell’Incubatore per le Imprese nel comune di Colliano (Salerno) e ha visto la partecipazione di oltre cento persone, con una folta delegazione degli studenti dell’ultimo anno dell’Istituto Alberghiero G. Corbini di Contursi Terme, in provincia di Salerno. Ogni unità di ricerca del progetto Canestrum Casei ha presentato i risultati finora ottenuti, in tutto undici presentazioni di carattere scientifico-divulgativo. Tra gli interventi un rappresentante della Regione Campania, produttori singoli e associazioni di produttori e periti agrari (che hanno patrocinato l’evento).

Numerosi gli interventi del pubblico presente, dando vita a una discussione che ha fatto emergere con forza la necessità di procedere rapidamente con le azioni di valorizzazione dei formaggi tradizionali, sempre più sottoposti a limitazioni di carattere sanitario che tendono a modificare i processi di lavorazione verso un’impostazione di tipo industriale. Anche dai primi risultati del progetto emerge con chiarezza, infatti, che i processi di lavorazione adottati per la produzione dei formaggi della “Selezione Ager”, basati sull’utilizzo di attrezzature tradizionali, non solo non genera alcun rischio per la salute ma conferiscono agli stessi caratteri distintivi molto apprezzati dai consumatori.

Per ulteriori approfondimenti sulla ricerca e i suoi risultati è possibile consultare il sito di progetto, dove a breve saranno rese disponibili le presentazioni illustrate dai ricercatori durante gli incontri.

Canestrato di Moliterno 2    Pecorino Carmasciano  

 

A cura di:

Giovanni Quaranta, Fondazione Medes

Articoli correlati (da tag)