header mix

Latte: come diminuire i costi di produzione, migliorando la qualità

Da lunedì 26 ottobre il primo dei sette webinar organizzati dal progetto INNOVAMILK che presenta i primi risultati delle ricerche per ridurre costi di produzione e migliorare qualità e shelf-life di latte e formaggi 

 

Il ruolo dei sistemi foraggeri dinamici sulla sostenibilità ambientale ed efficienza produttiva dell’allevamento da latte” è il titolo del webinar in programma lunedì 26 ottobre 2020 dalle 14,30 alle 16,30 organizzato dai ricercatori di INNOVAMILK - Innovations in Italian Dairy Industry for the enhancement of farm sustainability, milk technological traits and cheese quality, il progetto finanziato da Ager-Agroalimentare e ricerca per rafforzare il comparto dei prodotti lattiero-caseari.

L’obiettivo è di informare gli allevatori di bovini da latte, i tecnici e tutti gli operatori del settore lattiero-caseario su nuove modalità di alimentazione che permettono una produzione di latte più elevata, più economica e soprattutto più sostenibile ambientalmente.

Il concetto è di mettere l'agronomia al servizio della stalla, favorendo l’autoproduzione aziendale di foraggi di qualità da impiegare nell’alimentazione animale, ammodernando dove possibile tipologie di razioni ad oggi più diffuse a base mais e concentrati, privilegiando così le colture foraggere. Su queste ultime dovranno puntare gli allevamenti, per ridurre i costi di alimentazione del bestiame e migliorare le rese qualitative e quantitative di latte, visto che i foraggi meglio si adattano all'apparato digestivo dei ruminanti. Nel contempo, il minor uso di concimi e di input energetici (ad esempio il gasolio) che richiedono le colture foraggere rispetto al mais, diminuiranno l'impatto ambientale legato alla produzione del latte. Grazie al confronto tra i costi di produzione di diversi sistemi di allevamento e di coltivazione, i ricercatori di INNOVAMILK illustreranno i vantaggi della "gestione dinamica" dei terreni aziendali, dando indicazioni su come valorizzare l’impiego delle colture foraggere e come creare, a seguito di questo passaggio, l'opportuna sinergia tra allevatori-agricoltori, agronomi ed esperti di alimentazione.

All’incontro interverranno Daniele Giaccone e Luciano Comino dell’Associazione Regionale Allevatori del Piemonte (A.R.A.P.), Giorgio Borreani e Stefania Pasinato dell’Università degli Studi di Torino.

I risultati delle ricerche di INNOVAMILK hanno anche un impatto diretto sui consumatori, poiché il latte ottenuto da bovini alimentati con foraggi possiede un miglior profilo nutrizionale legato alla componente grassa, che aumenta il contenuto in acidi grassi saturi migliorando la qualità nutraceutica e alimentare del latte. E numerosi studi, ormai consolidati, ne attestano ad esempio le proprietà antitumorali o protettive per l’apparato cardio-vascolare. Ma questo sarà argomento del secondo incontro on line, programmato per il mese di novembre.

Il webinar è gratuito, aperto a tutti e con posti limitati e si terrà su piattaforma GoToWebinar previa iscrizione a questo link. Ai partecipanti sarà rilasciato, su richiesta, un attestato di partecipazione.

Scarica la locandina dell’evento con il programma di dettaglio.

L’iniziativa fa parte del ciclo di webinar “CHI (RI)CERCA TROVA” organizzati da Ager in collaborazione con i progetti sostenuti, rivolti non solo al mondo produttivo e scientifico, ma anche ai consumatori e all’intera società civile. I temi affrontati, infatti, spazieranno dalle innovazioni per rinforzare la filiera agroalimentare italiana, alle novità della ricerca per migliorare salute e benessere attraverso l’alimentazione, senza dimenticare la tutela dell’ambiente grazie a nuovi processi produttivi basati sull’economia circolare.

Qui il comunicato stampa dell'iniziativa.